Fatti&Storie

Tagli Comuni sul piede di guerra

Roma. Contro i tagli previsti dalla spending review per i Comuni, i sindaci manifesteranno il prossimo 24 luglio davanti al Senato. In quell’occasione il presidente dell’Associazione dei comuni (Anci) Graziano Delrio (nella foto) chiederà un confronto con Renato Schifani e con una delegazione di senatori per denunciare che, «oltre ai tagli lineari, le sforbiciate a sanità e trasporto pubblico già gravano fortemente sugli enti locali». E il sindaco di Roma Alemanno avverte: «Si rischia il default per migliaia di Comuni».
«Il peso dei tagli della spending review è enorme e insopportabile», ha detto Delrio. «Chiediamo ai parlamentari di aprire gli occhi. Abbiamo visto troppo facili entusiasmi sulla spendig review».
«La sforbiciata data dalla spending review ai Comuni - ha spiegato il presidente -, pari per il 2012 a 500 milioni di euro, è un'operazione fatta sulla carne viva dei Comuni, peraltro a quattro mesi dalla chiusura dei bilanci. Così diminuiscono i servizi e aumentano le tasse».
Regioni: tavolo tecnico
E ieri è partito anche il tavolo tecnico  con il supercommissario Enrico Bondi, chiesto dalle regioni per verificare i numeri della spending review sulla sanità. I governatori si dicono fortemente preoccupati di non riuscire a garantire per il futuro i livelli essenziali di assistenza. Ma  per il governo, «la riduzione dei trasferimenti a Regioni e enti locali è pari a 7,5 mld di euro, che rappresentano il 3% della spesa totale, cosa non piacevole, ma si tratta sempre solo del 3%».
 
(Metro)
 

Fatti&Storie