Meteo
 


Fatti&Storie

Gatto randagio su davanzale salvato dopo 20 ore

Un bel gattone randagio disidrato ma combattivo riposa dopo oltre 20 ore di davanzale al sole cocente foto di questi giorni senza acqua n eacute cibo Si egrave fatto desiderare ma alla fine gli operatori Enpa sono riusciti a catturarlo con un retino evitando che si gettasse nel vuoto dal settimo piano di una casa in via don Giuseppe Verit agrave vicino piazzale Lugano dove si era rifugiato per caso Una storia che ha tenuto con il fiato sospeso gli inquilini dell rsquo appartamento i vicini di casa e ovviamente gli operatori stessi che hanno temuto si potesse risolvere in tragedia il tentativo di recuperare il gatto randagio che si sentiva braccato per la loro presenza avrebbe potuto tentare nel disperato tentativo di fuggire alla cattura di lanciarsi nel vuoto nbsp La storia per fortuna finita a lieto fine sembra essere iniziata domenica 1 luglio quando casualmente il gatto di colonia si egrave infilato nel condominio di via Verit agrave e probabilmente vagando per le scale spaventato dal passaggio dei vari inquilini ha continuato a scappare da un pianerottolo all rsquo altro dell rsquo edificio La prima telefonata che segnalava la presenza di un gatto che da alcuni giorni stazionava senza acqua n eacute cibo nel nbsp palazzo egrave arrivata ai centralini dell rsquo ENPA per ograve soltanto ieri sera Gli operatori nel breve tempo trascorso per arrivare a destinazione hanno trovato uno scenario completamente diverso rispetto alla descrizione telefonica perch eacute nel frattempo le persone presenti avevano tentato di catturare il gatto lasciando le porte delle proprie abitazioni aperte nbsp Nel tentativo di fuggire il gatto si egrave infilato nella prima porta aperta nbsp a disposizione e trovando la finestra aperta si egrave lanciato per trovare una via di fuga non sapendo che fosse al 7 deg piano e che quel davanzale si sarebbe trasformato presto nel suo incubo nbsp Gli operatori dell rsquo Enpa hanno dapprima tentato la cattura tramite una gabbia trappola ma diverse volte il felino visibilmente terrorizzato ha girato lo sguardo verso altre vie di fuga rappresentate da un grosso albero troppo distante per essere raggiunto e i balconi dei piani sottostanti nbsp A quel punto gli operatori hanno desistito e con l rsquo aiuto della segnalante padrona dell rsquo abitazione hanno preferito vedere se la notte il gatto scendesse ed entrasse nella gabbia senza essere messo in pericolo da tentativi di cattura Ma cos igrave non egrave stato e oggi pomeriggio dopo ore e ore di attesa sotto il sole a picco egrave stata presa la decisione di ldquo intervenire rdquo cercando con azioni controllate di disturbo di far prendere all rsquo animale la decisione di abbandonare lo stretto davanzale Forse stremato dalla situazione e dal caldo essendo affamato e assetato il gatto ha scelto la via meno pericolosa rispetto al lancio nel vuoto facendosi successivamente non senza difficolt agrave catturare con un retino Metro nbsp

Fatti&Storie