Sport

BALOTELLI DA URLO E L ITALIA E IN FINALE

La finalissima di Kiev di domenica è Italia-Spagna. Gli azzurri battono 2-1 la Germania grazie a un super  Balotelli. E il punteggio è bugiardo. I tedeschi sono stati letteralmente travolti: sul piano del gioco, nei duelli individuali, tatticamente. Annicchiliti a livello agonistico.  L'unico neo, non aver chiuso la partita con un 3-0 che è stato sfiorato in almeno quattro occasioni. La rabbia di Buffon a fine gara (il portiere è uscito dal campo come una furia), si spiega così. Il gol dei tedeschi, su rigore al 92', per una leggerezza di Balzaretti, ha fatto pensare al patatrac. Gli ultimi due minuti sono stati da incubo. I supplementari sarebbero stati una beffa. Cassano e Balotelli migliori in campo. La doppietta di SuperMario è da antologia del calcio: colpo di testa ad anticipare il difensore e poi ciclonico tiro in corsa all'incrocio dei pali. L'avevamo scritto, con il Balotelli visto contro l'Inghilterra, l'Italia era da finale. Eccezionale anche il lavoro oscuro ma preziosissimo di Marchisio che ha mancato il gol clamorosamente in un paio di occasioni. Un plauso particolare va però al ct Cesare Prandelli che tatticamente non ha sbagliato una mossa, è stato in grado di dare tranquillità e motivazioni a tutti, davvero un grande allenatore che meriterebbe il titolo continentale solo per come è riuscito a trasformare la nazionale.    (C.Cr.)

Sport