Meteo
 


Fatti&Storie

Monza nasce un corso avanzato dedicato agli imprenditori stranieri

In Italia, con la crisi le imprese individuali con titolare straniero crescono in un anno (dal 2010 al 2011) del 6%, mentre quelle con titolare italiano registrano  una lieve diminuzione (-1,4%). Complessivamente, in Italia sono quasi 360mila i titolari di impresa individuale nati all’estero. I più numerosi sono gli imprenditori cinesi, seguiti da egiziani e tedeschi. Per gli imprenditori stranieri, la Camera di commercio di Monza e  Brianza in collaborazione con la Prefettura di Monza all’interno del  Consiglio territoriale per l’immigrazione ha promosso il primo corso gratuito di italiano business. Circa 20 tra aspiranti e imprenditori stranieri, la maggioranza extracomunitari provenienti soprattutto da Africa e Asia, stanno sviluppando le loro conoscenze della lingua italiana usata nei contesti lavorativi, alle prese con il lessico di materie contabili, amministrative e legislative, tra business plan e marketing. Sono soprattutto uomini, ma ci sono anche donne, con un’età media dai 20 ai 30 anni, alla ricerca di occupazione o stagisti. C'è chi ha già una piccola attività e si cimenta con il business plan e chi ha  superato i 40 anni, e la crisi ha lasciato senza lavoro, che pensa di mettersi in proprio. Il corso si propone di sviluppare la conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta, abitualmente  utilizzata nelle attività tipiche della gestione di una piccola impresa/lavoro autonomo; di favorire l’apprendimento e l’uso corretto della terminologia necessaria nei rapporti con uffici pubblici, clienti e fornitori. A fine corso, sarà fornita inoltre assistenza gratuita ai  partecipanti che ne faranno richiesta.  In Lombardia, c'è la concentrazione più alta di imprenditori  stranieri, con oltre 63mila imprese individuali con titolare nato all’estero, di cui oltre 4.400  ristoratori. Sono quasi il doppio di  quelle attive in Toscana (37.818), Lazio (36.549) ed Emilia Romagna (34.007).
(Metro)

Fatti&Storie