Meteo
 


Fatti&Storie

Contro le crisi da sms arriva l App anti stress

Roma. Il telefonino, la tua voce. Oggi, troppo spesso, diventa: il telefonino, la tua croce. Soprattutto per chi è già leggermente ansioso. Per evitare di rispondere a chiamate stressanti basta controllare il numero sul display. Ma per gli sms come si fa? Il trillino o la vibrazione del cellulare avvisano che “c’è posta per te”. Ma non spiegano se si tratta di belle notizie o di tragedie dietro l’angolo. E l’ansioso non può non verificare subito il contenuto rischiando così di precipitare nel vortice della depressione. Ma adesso basta.
Da oggi gli  stressati potranno fare affidamento su una nuova App per il cellulare, in grado di riconoscere i messaggi ad “alta tensione” prima che  vengano aperti. Se il contenuto è di quelli che possono indurre verso un  crollo emotivo, il programma segnala l’sms in rosso. E dà il tempo al destinatario di prepararsi “spiritualmente” alla lettura. L’App si chiama “StresschiocciolaWork” ed è stata creata all’University of Portsmouth. Il programma attiva una sorta di “semaforo” dei messaggi. Il codice per classificarli si basa sui colori: rosso per quelli  negativi, verde per quelli piacevoli, blu per quelli neutri. Se un messaggio è in grado di trasformare l’umore colorandolo di nero, il  cellulare lo segnala e previene l’effetto shock di leggere  all’improvviso sms - ma anche email, post su Facebook o “cinguettii”  su Twitter - indesiderati.
L'esperto Mohamed Gaber conferma al Daily Mail l’obiettivo  finale: far sì che le persone siano a conoscenza dell’arrivo di un  messaggio da “bollino rosso” per poter gestire lo stress derivante dai contenuti negativi. L’umore, spiega, potrebbe essere turbato e i livelli di stress potrebbero impennarsi alla visione inaspettata di  una notizia preoccupante su un social media o di un’email minacciosa  del proprio capo.
«E' importante - spiega Gaber - che l’utente metta  in campo un’azione per non innervosirsi, soprattutto se ciò influisce  sulle prestazioni lavorative o sui rapporti personali». Ed essendo lo stress un’esperienza molto variabile, è possibile personalizzare  l'applicazione descrivendo i messaggi ritenuti negativi o positivi e  istruendo l’App a riconoscerli secondo la propria percezione. I creatori del programma sperano di rendere l’applicazione disponibile  entro fine giugno per il download gratuito dal mercato Android, e per  le altre piattaforme entro il prossimo anno accademico.
(Patrizia Pertuso)

Fatti&Storie