Sport

Europei Ibra segna ma Sheva lo fulmina

Sheva contro Ibra. Centinaia di gol nel Milan, una notte di storia per loro. All’inizio della gara, davanti alle telecamere si abbracciano come fossero capi di stato. Lo sono,  calcisticamente parlando, lo sono per il popolo che li aspetta nel catino dell’Olimpico di Kiev, lo sono per Ucraina e Svezia che si incontrano con speranze ma senza certezze. Finisce 2-1 in una gara che è forse una metafora della recente storia del Milan. Ibra segna per primo, ma lui, quando c’è da fare la storia, non c’è o c’è e poi evapora. L’altro, Shevchenko, lo lascia sfogare e poi, vecchietto lucido, lo fulmina due volte. Insomma, uno ha la miccia corta, l’altro ce l’ha lunga. Uno ha vinto scudetti, l’altro ha vinto tutto. Sheva batte Ibra 2-1, il Milan di una volta vince contro quello di oggi. E Berlusconi intanto, vende Thiago Silva. Mah.  (F.F.)

Sport