Meteo
 


Spettacoli

Valentina Movie il mito di Crepax in un exp

Roma – Era il 1965 quando dalla penna di Guido Crepax saltò fuori la donna più complessa e sensuale del fumetto italiano: Valentina. Il mito rivive in un expò per sale tematiche che avvolgono lo spettatore in un'atmosfera tra sogno e realtà. Curata dall'Archivio Crepax “Valentina Movie” è la prima mostra romana dedicata alla splendida creatura. Sagome di Valentina a grandezza naturale fanno da linee guida al percorso, raccontando il mondo di Crepax (Milano 1933-2003), tra ambientazioni e spettacolarizzazioni tratte dai disegni, installazioni e video, e 120 tavole originali scelte tra le 2.600 che il fumettista ha dedicato a Valentina. Così, al primo piano di Palazzo Incontro c'è il mondo reale: dal rapporto col mito dell'attrice Louise Brooks (1906-1985) e dalle origini cinematografiche del fumetto, per sottolineare gli aspetti autobiografici del personaggio che l'autore volle costruire come una donna quasi reale, con carta d'identità, lavoro, un figlio, relazioni sentimentali e un profilo psicologico credibile.
Si analizza l'innovazione che Crepax ha portato nel mondo del fumetto con la sua costruzione “frammentata” della tavola. Mentre in una grande sala seguono le testimonianze del mondo della moda e della fotografia che hanno ispirato la saga, e i personaggi delle storie e delle altre eroine (come Bianca e Anita) di Crepax. Fino sopra allo studio dell'autore, al secondo piano del Palazzo, dove poter spiare dal buco della serratura immagini vietate ai minori per il loro contenuto erotico-horror. Un passo verso un mondo surreale.
(Orietta Cicchinelli)

Spettacoli