Meteo
 


Fatti&Storie

Ucciso dai parenti della fidanzata Erano contrati alla relazione

Pestato perché i genitori della sua fidanzata erano contrari alla relazione. Martedì, nella tarda serata, i carabinieri hanno fermato quattro parenti della fidanzata della vittima, tutti pakistani. Sembra che il movente dell’omicidio premeditato del 27enne Khalid Asif, che prima di essere ucciso era stato anche sequestrato, sarebbe riconducibile alla netta opposizione dei genitori della giovane pakistana alla relazione fra i due ragazzi.
I carabinieri di Molinella (BO) hanno eseguito tre dei quattro fermi emessi procura. Gli autori, al momento indiziati di omicidio aggravato e sequestro di persona in concorso, sono tre fratelli, tutti cittadini di origine pakistana, residenti nella Provincia di Bologna: A.Q., 29enne, operaio, coniugato, N.M., 37enne, operaio, celibe e S.A., 40enne, casalinga, coniugata. Una quarta persona di sesso maschile, resasi irreperibile, è tuttora ricercata dai Carabinieri. Da quanto ricostruito questa sarebbe stata oggetto di un pestaggio preordinato da parte dei connazionali fermati, i quali non approvavano una relazione sentimentale intrattenuta da Khalid Asif con una loro giovane parente (la figlia di S.A.).
(Metro)

Fatti&Storie