Meteo
 


Fatti&Storie

Area C multe pazze Lega sosterremo i ricorsi

Le multe dei primi tre mesi di Area C arrivano, chi più chi meno, a ingolfare la casella della posta e lo sportello unico per le sanzioni di via Friuli scoppia. Lo afferma il  capogruppo della Lega, Salvini, ieri in presidio agli uffici, che contesta i dati del Comune sulle attese. «Ma quali 17 minuti di coda? “Nessun problema”? Robe da matti! Come Lega sosterremo chi fa richiesta danni». «Metà delle cartelle delle persone in coda - afferma Salvini - sono sbagliate e colpiscono invalidi o milanesi che guidano un’auto a Gpl», per il leghista è comunque meglio «non pagare altrimenti è impossibile riavere il denaro e fare ricorso al Prefetto con il modulo gratuito».
Lo sportello unico, secondo il Comune, la scorsa settimana ha accolto una media giornaliera di  532   persone (totale 2.661);  tutti aperti contemporaneamente i 28 sportelli. Nove addetti, di cui 6 agenti in divisa, controllano le file:  sia per evitare che infili quella sbagliata, sia per “calmare” eventuali problemi. Perché sebbene il 51% vada in via Friuli per contestare una multa di  Area C, e secondo il Comune lì risolve immediatamente, c’è anche chi deve pagare una cartella esattoriale (22%) o una multa “normale” (17%). L’orario è continuato  8 -16,  anche il sabato ma solo fino alle 13 (Info 02.0202 e 02.0208; www.comune.milano.it sezione “multa semplice”).
 
La testimonianza
 una lettrice di Metro:
 «Mercoledì  scorso ricevo  7 multe per l'Area C. Ho un'auto ibrida benzina Gpl con libero accesso fino a dicembre. Mi reco al posto di polizia  più vicino all’ufficio (via Passerini)  inutilmente. Passo una mattina a telefonare per non perdere  mezza giornata di lavoro  in via Friuli il cui centralino è sempre occupato o mi rimbalzano, lo 02.0202 non mi ha mai richiamata. Frustrata vado, venerdì, in via Friuli dove mi annullano le multe. Faccio due conti e penso che con le mie due mattine perse, un parcheggio pagato e le telefonate, Caro signor Sindaco, io l'Area C l'ho pagata comunque.   (Simona Platè)
(scrivete a milano@metroitaly.it)
 
(Metro)

Fatti&Storie