Fatti&Storie

Nei pronto soccorso i video elimina code

Rivoluzioni da fine mese nei pronto soccorso. La Regione, con delibera della Giunta, ha deciso  di attivare  nei pronto soccorso di 30 ospedali, tutti i maggiori di Milano, degli ambulatori filtro  dove curare i casi meno gravi (codici bianchi, che pagano sempre 25 euro di ticket, e codici verdi,   sempre gratis) senza   rischiare di bloccare  i casi più gravi. I pronto soccorso avranno sistemi   info via video,  in tempo reale, per consentire ai parenti in attesa di conoscere i tempi di presa in carico e la situazione della persona accolta in pronto soccorso che verrà identificata con un numero. Saranno anche rivisti i criteri  di attribuzione dei codici bianchi per uniformarli in tutti i nosocomi. Le esenzioni oggi previste sono immutate. La sperimentazione dell’ambulatorio filtro parte a fine mese e non ha data di scadenza: di certo entro fine 2012 ci sarà un punto con i direttori delle Asl.
Per questa rivoluzione la Regione mette 7,5 milioni (200 mila per ciascun ospedale) per gli ambulatori e 1.5 milioni (50 mila ad ospedale) per i video.
 
Gli ospedali in cui partirà la sperimentazione a fine mese
A Milano:
Fatebenefratelli, Niguarda, Policlinico, Sacco, San Carlo e San Paolo
In provincia:
Cinisello (Bassini), Garbagnate (Salvini), all’ospedale di Legnano-Cuggiono, a Melegnano (Predabissi) e a Vimercate (Civile).

Fatti&Storie