Spettacoli

In viaggio tra le religioni da Gerusalemme a Torino

Milano. Un originale e interessante reportage che percorrerà, in senso contrario, la strada dei primi cristiani dall’Italia a Gerusalemme, intrecciandosi con le altre fedi, l’Islam e il Giudaismo. Tanto che “Gerusalemme perduta”, lo spettacolo di scena, da stasera al 5 maggio al Teatro Studio Expo avrà per sottotitolo “un viaggio contromano da Torino a Gerusalemme… ed oltre, inseguendo le briciole di Dio”. Tratto dall’omonimo libro di Paolo Rumiz e Monika Bulaj, questo testo, diretto da Graziano Piazza, avrà come interpreti Elia Schilton, Barbara Zanoni, Aleksandar Sasha Karlic, il Theatrum Instrumentorum & Les Baklava Mystiques. In realtà, un viaggio senza guide, denso d’inquietudini e di suggestioni, che saprà diventare una grande occasione di teatro. In scena si assisterà ad un “ritorno” alle origini della fede col Vangelo, il Corano e la Torah intrecciati in un unico filo rosso fin dalla partenza a sorpresa in mezzo alle Alpi. E qui la musica avrà il compito di generare la molteplicità e l’intimità degli spazi e dei luoghi attraversati. Mentre alla parola toccherà, per mezzo di attori-narratori sul palco, fornire allo spettatore e ascoltatore gli strumenti primi per costruire intimamente, quasi fatte in casa, le proprie immagini, quelle della sua avventura verso la propria esperienza religiosa primigenia (Info: 848800304).
(Antonio Garbisa)

Spettacoli