Meteo
 


Fatti&Storie

Sangue sulle strade a Cagliari e Sassari

incidenti Tre morti e cinque feriti: è il drammatico bilancio sulle strade sarde di questo fine settimana. Tra sabato notte e domenica gli ultimi due gravi episodi: il primo sulla statale 131, dove ha perso la vita un 33enne e tre persone sono rimaste ferite in un tragico scontro avvenuto tra due Fiat Punto. Ad avere la peggio è stato Roberto Corallo, nato a san Gavino ma residente a Sanluri, che è deceduto praticamente sul colpo nel fatale impatto tra le due auto avvenuto all’altezza di Conforama, nei pressi di San Sperate, in uno dei punti più a rischio della statale che collega l’isola. Altre 4 persone sono rimaste ferite ma non corrono pericolo di vita. Ieri mattina invece nel Sassarese si è verificato un altro incidente con l’investimento di un bambino nomade: un infermiere è stato denunciato dai carabinieri per l’episodio avvenuto nei pressi di Alghero, in località Arenosu. Secondo le accuse l’uomo non si sarebbe prestato a soccorrere il ragazzino dopo averlo investito con la sua Opel Corsa.  Un weekend davvero da incubo anche nelle strade del Sassarese: la prima tragedia era avvenuta a Porto Torres, dove Riccardo Giordo di 30 anni era morto dopo aver perso il controllo della sua auto andata a sbattare violentemente contro un Tir. Pochi minuti più tardi, in una tragica fatalità, un altro incidente mortale: valerio carta, 25 anni, sassarese, ha perso la vita in un incredibile scontro tra ben quattro auto avvenuto sulla Buddi-Buddi. Lavorava da tempo nel bar di Sant’Orsola.
(jacopo Norfo)

Fatti&Storie