Meteo
 


Fatti&Storie

Severino reprimere gli abusi dei blog

Perugia. Rischiano di suscitare un vero e proprio polverone virtuale le parole del ministro della Giustizia, Paola Severino, intervenuta ieri al Festival del giornalismo di Perugia. «Il cittadino ha il diritto di interloquire con un altro cittadino - ha detto il ministro - ma lo deve fare seguendo le regole: credo che questo sia un dovere di tutti, anche di chi scrive su un blog. Ma il fatto di scrivere su un blog non autorizza nessuno a scrivere qualunque cosa, soprattutto se si sta trattando di diritti di altri. Ricordiamoci che i diritti di ciascuno di noi sono limitati dai diritti degli altri, io non posso intaccare il diritto di un’altra persona solo perche sono lasciato libero di esprimermi». Sui blog, in particolare, Severino ha sottolineato come “il problema non è vederli con sfavore ma reprimere gli abusi che vengono fatti, anche se su internet è più difficile. Non c’è un preconcetto ma questo mondo va regolamentato altrimenti si finisce nell’arbitrio».
L'Italia dei Valori insorge  
 «Il web è un patrimonio di tutti, è e deve restare libero. Siamo contrari a qualsiasi forma di censura sui blog, che sono fondamentali per la circolazione delle notizie, del pensiero e della cultura»: queste le parole pronunciate dal presidente del gruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi. Secondo cui «non c’è bisogno di leggi restrittive perchè le norme attuali già sono sufficienti contro la diffamazione e la circolazione di notizie false. I blog sono un esempio di libertà, un fenomeno culturale e informativo da coltivare e sostenere, non certo da controllare o imbavagliare. I blogger sono una risorsa, i problemi dell’informazione sono ben altri».
 
(Metro)

Fatti&Storie