Fatti&Storie

All incrocio salvezza il Cagliari ritrova Suazo

Mentre Zedda lancia a Cellino segnali distensivi sul fronte dello stadio, il Cagliari gioca oggi a Trieste una partita decisiva per la salvezza. Appuntamento alle 18,30 a Trieste contro il Catania dell’ex David Suazo, un  ex al veleno rifiutato in estate da Cellino. Un altro dopo Donadoni, che sabato scorso ha sepolto con tre reti il Cagliari di Ficcadenti. Ora però i rossoblù hanno una doppia chance per chiudere i conti: oggi col Catania, sabato col Chievo, due partite sulla carta facili perchè con squadre senza l’acqua alla gola. Due squadre che potrebbero non giocare alla morte, almeno questa è la speranza del Cagliari. Perchè dopo ci saranno due scontri diretti per la salvezza, contro genoa e Fiorentina. E poi la gara a Trieste contro la Juventus lanciatissima verso lo scudetto, che proprio quel giorno potrebbe festeggiare uno storico tricolore. Insomma bisogna a tutti i costi vincere oggi per non rischiare, e Ficcadenti lo sa, non a caso parla di “gara determinante”. Che il Cagliari dovrà affrontare senza il protiere titolare Agazzi, appiedato dal giudice sportivo. In porta ci sarà quindi Avramov, che spera di non farlo rimpiangere. In attacco al fianco di Pinilla potrebbe giocare Ibarbo, ma la decisione sarà presa solo all’ultimo momento. Dall’altra parte il Catania rivelazione di Montella, forse la vera novità della serie A di quest’anno, che ancora potrebbe ambire a un posto in Europa League. Ma il Cagliari non può sbagliare. 
(Jacopo Norfo)

Fatti&Storie