Sport

Nba Lebron rulla i Bulls e New York va alla post season

Miami batte Chicago e il primato nella Eastern Conference è ancora in bilico. Insomma, la stagione Nba di quest'anno sarà anche partita in ritardo e fra mille polemiche a causa del Lock out e del braccio di ferro fra Bryant e compagni e i loro padroni, ma lo spettacolo non manca. Gli Heat, che hanno un record di 45-17, si impongono per 83-72 sui Bulls, che continuano a guidare a Est con un bilancio di 47-16. I tori avrebbero ipotecato la prima testa di serie nei playoff in caso di vittoria. Invece, ancora privi del play Derrick Rose, si sono dovuti arrendere nella serata dominata da LeBron James. Il "Prescelto" trascina Miami con 27 punti, 11 rimbalzi e 6 assist e griffa il match. Miami esibisce una difesa eccellente nel secondo tempo: Chicago segna solo 32 punti dopo l'intervallo e appena 11 nell'ultimo quarto. I Bulls provano a rimanere a galla con i 16 punti di John Lucas e i 15 (con 10 rimbalzi) di Joakim Noah: missione fallita e ora la squadra allenata da Tom Thibodeau ha appena 1,5 partite di vantaggio sugli Heat nella volata finale della regular season. A est sono già tranquilli gli Indiana Pacers (41-22), sicuri del terzo posto dopo il 118-109 rifilato ai Milwaukee Bucks (29-33). Il risultato fa felici anche i New York Knicks (33-29), che senza giocare conquistano il matematico accesso alla post-season.
Nella Western Conference, rischia di costare cara agli Houston Rockets (32-31) la sconfitta per 105-99 all'overtime sul campo di New Orelans. Gli Hornets (20-43), protagonisti di un'annata deludente, stanno chiudendo la stagione in maniera più che dignitosa. Marco Belinelli contribuisce al successo con 13 punti in 24'56« dalla panchina. La guardia bolognese, che chiude con 4/10 al tiro e 3/7 da 3, fa la sua parte nella gara dominata da Eric Gordon (27 punti) e Carl Landry (20). Houston, al sesto k.o. di fila, scivola fuori dalla griglia virtuale dei playoff. (Adnkronos)

 

Sport