Spettacoli

Pessoa Woolf e Proust Con la Bucci tre vite diventano ballate

Teatro. La sua presenza sul palco è di quelle che non si dimenticano. Perché il magnetismo di Elena Bucci, fondatrice de Le Belle Bandiere, colpisce sempre nel segno. E per conoscere meglio quest’attrice, autrice e regista si potrà assistere, da stasera al 21 aprile, al suo nuovo lavoro allo Spazio Mil  dove si racconterà tra le parole di Pessoa, Virginia Woolf e Proust. Nasce così “Autobiografie di ignoti” che la vedrà accompagnata dal suono live del pianoforte di Andrea Agostini che trasformerà le storie biografiche in ballate. Scivolando dalla poesia al canto, dalla danza al piccolo gesto quotidiano, ogni sera si creerà tra attrice e pianista un’alchimia nuova con le improvvisazioni, i rimandi e le ripetizioni tipiche della musica jazz. Tutti i momenti saranno ambientati in un bar che sembra attraversare epoche diverse e luoghi lontanissimi tra loro. Potrebbe infatti stare in un paese di Romagna come a Sidney, a Singapore o a Parigi. L’ora invece sarà sempre notturna, mentre i personaggi che abiteranno il locale si perderanno nelle biografie altrui come nella continua reinvenzione della propria. In realtà, un luogo apparentemente neutro e casuale dove anche il contatto più profondo si trasformerà in nulla e dove anche attraverso un gesto insignificante si potrà riconoscere qualche verità (Info: 02 36592544).
(Antonio Garbisa)

Spettacoli