Fatti&Storie

Centrale abbattuti 15 platani Grandi stazioni li ripianter

Scavi sbagliati, o male eseguiti, e 15 platani (alcuni con tronchi di grandi dimensioni) sono stati abbattuti perché diventati pericolosi. È successo in via Sammartini, in un’area dove Grandi Stazioni, società del gruppo Ferrovie dello Stato, ha appaltato un cantiere per lavori inerenti il progetto della Stazione Centrale.
Gli alberi a Milano sono spesso dei sopravvissuti: se c’è da costruire o scavare o fare una strada, spesso non hanno scampo.   Il Consiglio di zona 2 non è stato interpellato né coinvolto, come conferma il vicepresidente della commissione Ambiente Stefano Costa, Verdi, al quale è Metro a dare la notizia. Ma al settore Parchi e Giardini del Comune invece la faccenda ha fatto arrabbiare molti.
Qualche mese fa infatti è caduto il primo platano: dal sopralluogo sarebbe risultato subito evidente che gli scavi hanno irrimediabilmente danneggiato la stabilità di  15 piante, tutte tranne due. Il Comune fa fare una perizia al docente dell’Università di Firenze Francesco Ferrini e parte la richiesta danni. Grandi Stazioni - che non ha negato le responsabilità -  il prossimo autunno  dovrà ripiantumare 15 alberi e garantirne manutenzione e cura per i successivi tre anni. Se l’area non sarà “a posto” alla riconsegna al Comune, Grandi Stazioni dovrà comunque provvedere a ripristinarla.
Peccato che per lo sconforto, anche quello del nostro lettore Francesco Rossi  che ci ha segnalato lo scempio, di non esser riusciti a salvare degli alberi da  scavi maldestri non c’è compensazione che tenga. 
(Simona Mantovanini)

Fatti&Storie