Meteo
 


Fatti&Storie

Dopo Italo sono i regionali il prossimo obiettivo della neonata Ntv

Sono appena nati e già guardano al futuro. E il futuro è, neanche tra troppo tempo, il trasporto regionale. Il decreto “Cresci Italia” prevede infatti la liberalizzazione del servizio. «Anche se da qui al 2014 si dovrebbero sciogliere dei nodi importanti quali lo scorporo di Rfi da Fs, perchè è lì che si gioca la partita. Il primo contratto di servizio a scadere sarà quello dell’Emilia Romagna, nel 2014, e allora cercheremo di entrare in quel mercato».
Giuseppe Bonollo è direttore marketing, vendite e Servizi di NTV. E da ieri è possibile acquistare i biglietti per i viaggi che partiranno dal 28 aprile.Non siamo preoccupati. Le nostre tariffe sono nostre e sono molto articolate per offrire al cliente il massimo della scelta. È un nostro tratto distintivo. Lo stesso passeggero può scegliere ambienti diversi a seconda del viaggio.Avete cambiato la parola “classe” con ambiente. Come cambia il risultato?Non ci piace parlare di classi. Fa pensare a immagini vecchie, che non appartengono più all’AvA proposito: come stiamo messi con la pulizia?Ci siamo ispirati ai migliori del mondo, il Giappone. Siamo andati fino a lì per imparare. Oltre al normale turno di pulizia saremo attenti all’ordine, perchè non capiti che chi salga in una fermata intermedia trovi il giornale abbandonati sul sedile. E saremo attenti alle segnalazioni dei passeggeri.Avete introdotto il concetto di low cost anche sul treno.Sì: il 65% dei biglietti viene acquistato negli ultimi tre giorni. E uno può scegliere se avere o meno servizi aggiuntivi. La differenza di prezzo è lì.Il vostro call center: è a pagamento?Sì ma costerà come una telefonata a un fisso, con lo 060708. Nessun 199. E non ci sarà il disco di preselezione. Fa perdere tempo e spazientire. Risponderanno direttamente i nostri operatori.
(Stefania Divertito)

Fatti&Storie
Migranti