Meteo
 


Fatti&Storie

To Rome with love Applausi e risate per Woody Allen

Roma. Applausi da stadio e risate, anche a scena aperta, per la proiezione romana, in anteprima mondiale per la stampa, di 'To Rome with lovè di Woody Allen, il nuovo film del regista newyorkese, che dopo Barcellona e Parigi ha deciso di omaggiare la Città Eterna con un intreccio di storie che si snodano per le vie della capitale.
Molti applausi per l'interpretazione di Roberto Benigni e dello stesso regista, parte del nutrito cast internazionale del film che comprende stelle hollywoodiane del calibro di Alec Baldwin, Penelope Cruz, Judy Davis e Jesse Eisenberg ma anche gli italiani Alessandra Mastronardi e Corrado Fortuna. Il film arriverà nelle sale italiane il 20 aprile, distribuito da Medusa in 600 copie. Dopo la proiezione in anteprima per giornalisti e critici, avvenuta  al Cinema Embassy di Roma,  un'anteprima mondiale di beneficenza all'Auditorium Parco della Musica, i cui incassi (i biglietti, comprati in gran parte da vip, costano 100 euro l'uno) saranno devoluti in beneficenza alla Società italiana per l'Amiloidosi.  
Durante la presentazione del film Roberto Benigni non risparmia battute sull'attualità: «Nel film ci sono macchine, donne, gente famosa senza motivo. Sembra la storia di Bossi ma quando Woody Allen ha girato non era cosi c'erano Berlusconi, le escort, le feste, Bossi e il sole. Ora piove, ci sono gli esondati, è cambiato tutto». L’attore premio Oscar ironizza sugli anni berluniani: «In questi anni abbiamo citato molto i titoli di Allen: "Il dittatore dello stato libero di Bananas", "Prendi i soldi e scappa", "Crimini e misfattì, Criminali da strapazzo».
(metro)

Fatti&Storie
Bonus partite Iva