Fatti&Storie

Il Cagliari senza stadio e senza gol ora crolla

Un Cagliari senza più stadio e senza gol. Senza punti in classifica e senza un margine rassicurante sulla zona salvezza. Dopo la sconfitta pirotecnica di ieri notte a Bologna, sono solo 4 i punti di vantaggio sul lanciatissimo Lecce di Cosmi che occupa il terzultimo posto. Quella di Bologna è stata una partita incredibile: un Cagliari ancora rinunciatario nel primo tempo ha subito nella ripresa il gol su punizione di Diamanti, per poi cominciare lentamente a macinare gioco e occasioni importanti. Una clamorosa traversa di Larrivey, un gol sprecato da Cossu, una incredibile conclusione a lato a porta vuota di Thiago Ribeiro. E un attacco irriconoscibile che è valso la sconfitta. “Abbiamo sbagliato tutti davanti alla porta avversaria- ha commentato Ficcadenti a fine partita- la squadra sta bene e ha corso molto. Il limite di Ibarbo? Un giocatore dal grande talento ma che deve ancora riuscire ad ambientarsi bene nel nostro campionato”. Ibarbo che anche ieri è partito dalla panchina, il tecnico gli ha preferito la strana coppia Ribeiro-Larrivey. Poi nel finale ha inserito anche Nenè, ma l’assenza di Pinilla si è fatta sentire parecchio. Il Cagliari ha perso 9 volte su 12 in trasferta, e adesso non giocherà più al Sant’Elia per decisione del suo presidente. Il calendario non è semplice e prevede molti scontri diretti e la sfida alla penultima giornata con la Juventus.  Ci sarà da soffrire, a cominciare da lunedì prossimo contro il Catania. 
(Jacopo Norfo)

Fatti&Storie