Fatti&Storie

Italiani bevono meno ma allerta giovani

Roma Otto milioni e 179 mila italiani a rischio in particolare i giovani 15 1 e i giovanissimi sotto i 15 anni 11 9 sono i dati forniti dal rapporto Istat sull rsquo uso e l rsquo abuso di alcol Nel 2011 spiega il report il 66 9 della popolazione con pi ugrave di 14 anni ha consumato almeno una bevanda alcolica durante l rsquo anno Una quota in linea con quella dell rsquo anno precedente ma in forte diminuzione rispetto a dieci anni fa In netto calo il consumo quotidiano di alcol dal 2001 al 2011 il numero di consumatori che bevono tutti i giorni egrave sceso del 18 4 specialmente tra le donne 25 7 Cambiano le bevande Aumenta invece la quota di quanti dichiarano di bere alcolici fuori dai pasti e di chi ne consuma occasionalmente Ma il dato che preoccupa di pi ugrave egrave quello della crescita del consumo di alcol fuori pasto da parte dei giovanissimi 14 17 anni passata dal 15 5 del 2001 al 18 8 del 2011 Cambia anche il tipo di bevande Diminuisce infatti la quota di chi consuma solo vino e birra mentre rimane invariata quella di chi consuma anche aperitivi alcolici amari e superalcolici Nel 2011 ha consumato almeno una bevanda alcolica nell rsquo anno il 65 della popolazione di 11 anni e pi ugrave Beve vino il 53 3 birra il 46 2 e aperitivi alcolici amari superalcolici o liquori il 40 6 beve vino tutti i giorni il 23 6 e birra il 4 5 Over e under I comportamenti a rischio per l rsquo abuso di alcolici secondo il report Istat sono pi ugrave diffusi tra gli anziani over 65 il 43 degli uomini contro il 10 9 delle donne i giovani di 18 24 anni il 22 8 dei maschi e l rsquo 8 4 delle femmine e gli adolescenti di 11 17 anni il 14 1 dei maschi e l rsquo 8 4 delle femmine Binge drinking La fascia pi ugrave a rischio di ldquo binge drinking rdquo ovvero delle ldquo abbuffate alcoliche rdquo concentrate egrave quella tra i 18 e i 24 anni il 15 1 dei giovani 21 8 maschi e 7 9 femmine si comporta cos igrave per socializzare Infine egrave dell rsquo 11 9 la quota dei ragazzi tra gli 11 e i 15 anni con almeno un comportamento a rischio nbsp Metro

Fatti&Storie