Fatti&Storie

Scovata la fonte dell ansia nelle scimmie

Passi avanti per capire  i meccanismi neurologici di ansia e  depressione, sono stati compiuti con uno studio  pubblicato online sulla rivista “Nature Neuroscience”. L'indagine è partita dalla stimolazione elettrica della “corteccia cingolata anteriore pregenuale” nelle scimmie, che aumenta l'attività dell'area dove vengono prese le decisioni che trasmettono sensazioni negative.  Stimolare i neuroni in questa area,  ha aumentato  le probabilità che la scimmia, messa davanti a una scelta  tra una ricompensa maggiore dopo un fastidioso gettito d’aria in faccia, e una minore senza alcun fastidio, abbia scelto  di non ricevere il gettito d’aria sul muso, accontentandosi del premio più piccolo. Un  effetto che viene bloccato quando gli animali ricevono farmaci contro l'ansia. Questa zona del cervello sarebbe  implicata anche nei disturbi d'ansia e nella depressione umana.
 
(Metro)

Fatti&Storie