Meteo
 


Fatti&Storie

Boom di lavori tecnici raddoppiati in dieci anni

Una volta tanto, un dato sul lavoro che non fa rabbrividire. Il che, di questi tempi, non è poco. A quanto pare per provare a buttarsi nella mischia del mondo lavoro con la speranza di non restarne da subito fuori, in Sardegna conviene buttarsi sulle professioni tecniche. Che, nell’Isola appunto, sono raddoppiate negli ultimi dieci anni.
La fotografia e' dell'Epap, Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale, che rende noti i dati dal 2001 ad oggi: chimici, geologi, agronomi e forestali in attivita' nell'isola sono passati da 433 a 898. Gli iscritti all'ente di previdenza sono aumentati da circa 700 del 2001 a 1.282 di oggi. Professioni che danno un contributo allo sviluppo della Sardegna e alla salvaguardia del territorio.
Nel corso di un incontro in cui ha illustrato tutti i dati, il presidente dell'Epap, Arcangelo Pirrello, ha illustrato gli sviluppi e i progetti di previdenza e assistenza a favore delle professioni.
«L'Epap, la cassa autonoma di previdenza e assistenza degli oltre 25.000 attuari, chimici, geologi, agronomi e forestali italiani, ha i conti in ordine ed e' in grado di garantire l'equilibrio per 50 anni, come richiede la riforma delle pensioni», ha detto Pirrello. «Siamo impegnati a estendere le prestazioni a favore degli iscritti» ha aggiunto, precisando che in Sardegna i pensionati Epap sono 35.
I geologi attivi in Sardegna quest'anno sono 319 (su 442 iscritti all'Epap), gli agronomi e forestali 527 (su 749), i chimici 52 (su 91). (AGI) Red-Rob
(metro)

Fatti&Storie