Fatti&Storie

Costa la scatola nera era rotta gi quattro giorni prima del naufragio

Prime inquietanti indiscrezioni emergono dalle operazioni peritali sulla scatola nera della Costa Concordia alle quali partecipano anche i consulenti nominati dal Codacons Contrariamente a quanto apparso sulla stampa sulla base dei primissimi risultati emersi a seguito dell apertura della scatola nera avvenuta a La Spezia informa una nota dell associazione dei consumatori sembrerebbe che l apparecchio sia risultato nbsp non funzionante a partire dalle ore 15 circa del 9 gennaio 2012 ossia ben 4 giorni prima del naufragio E si scopre che del malfunzionamento delle apparecchiature erano informati tutti ma nessuno si preoccupava piu di tanto nbsp nbsp nbsp nbsp Secondo il Codacons in una nota inviata da Costa Crociere alla ditta Fiorucci responsabile della manutenzione tecnica si legge Buongiorno per l ennesima volta il VDR del Concordia e andato nuovamente in fault per il solito problema sul HD La situazione ora sta diventando veramente insostenibile e non e pensabile continuare a fare service su service spendendo cosi tanti soldi senza ottenere un risultato nbsp nbsp nbsp A tale comunicazione la Fiorucci risponde dalla verifica effettuata confermiamo che il problema non e relativo all HDD della replay station come nelle altre occasioni ma si tratta della capsula FRM Ci stiamo organizzando per intervenire su Civitavecchia o al piu tardi su Savona A Savona tuttavia la nave non e mai arrivata Tutti questi gravissimi elementi aggravano le responsabilita della Costa Crociere e della Carnival e saranno depositati a Miami dove e in corso l azione di gruppo avviata dal Codacons alla quale possono ancora aderire i naufraghi della Concordia nbsp nbsp nbsp nbsp Se dovesse essere confermata ufficialmente il non funzionamento della scatola nera i periti nominati dal Gip di Grosseto potranno capire cosa e nbsp successo realmente durante il naufragio del Giglio utilizzando una copia dei dati della scatola nera memorizzati sul sistema di backup rimasto integro solo grazie al fatto che si trovava sulla parte sinistra della plancia di comando che non e finita sott acqua dopo il naufragio Tuttavia tale copia contiene dati fino alle ore 23 36 del 13 gennaio e le informazioni si fermano al momento in cui era ancora in corso l evacuazione della nave Agi

Fatti&Storie