Meteo
 


Sport

Nba Bargnani va Belinelli no

Andrea Bargnani vince, Marco Belinelli no nella domenica azzurra della Nba. Bargnani, con 18 punti, ci ha messo del suo ne successo casalingo che i Toronto Raptors (18-35) hanno agguantato per 99-92 sui Washington Wizards (12-40). Il lungo romano, titolare per 30'59", è stato il top scorer dei suoi con 6/15 al tiro (0/3 da 3 punti). Bargnani ha messo a referto pure 8 rimbalzi e 4 assist in una gara che i Raptors hanno condotto sin dall'inizio. Nel IV periodo, prima della parziale rimonta di Washington, guidata dai 18 punti di Jordan Crawford e dai 16 di Kevin Seraphin, Toronto è volata anche a +15 .«Chi è partito dalla panchina ha giocato benissimo, abbiamo costruito un ampio vantaggio tra il terzo e il quarto periodo. In quei momenti abbiamo difeso un po' meglio, ma non è stata una prestazione perfetta. Abbiamo vinto e sono contento», le parole di Bargnani dopo il match.
È andata male a Belinelli. I 14 punti e i 7 rimbalzi della guardia bolognese (6/14 al tiro e 1/4 da 3 punti), titolare per 34'19", non sono bastati ai New Orleans Hornets (13-40), caduti per 92-75 sul campo dei Phoenix Suns (26-26) trascinati da Jared Dudley (21 punti).
Molto meglio il tabellino decisamente di Kobe Bryant: 40 punti nel 120-112 con cui i Los Angeles Lakers (33-20) hanno regolato i Golden State Warriors (20-31). I gialloviola attendono di conoscere le condizioni di Andrew Bynum, costretto a lasciare il campo nelle fasi iniziali del match per un infortunio alla caviglia.
Ad aprire la domenica Nba, i ko incassati dalle due corazzate della Eastern Conference. I Chicago Bulls (42-12), miglior squadra dell'intera lega, sono stati battuti per 92-78 sul campo degli Oklahona City Thunder (40-12), numero 1 della Western Conference, nel big match della giornata. I Thunder, che come i Bulls sono già qualificati per i playoff, hanno dominato con i 27 punti di Russell Westbrook (10/18 al tiro) e i 26 (con 10 rimbalzi) di Kevin Durant. Oklahoma City ha ammazzato la partita con il parziale di 31-12 nel terzo periodo, lasciando le briciole ai tori che per la decima gara consecutiva hanno dovuto fare a meno dell'infortunato Derrick Rose. La presenza di tutte le stelle non ha evitato una lezione ai Miami Heat (37-14), asfaltati per 91-72 dai Boston Celtics (30-22) che hanno esibito uno stellare Rajon Rondo. Con 16 punti, 14 assist e 11 rimbalzi, il play ha messo a referto la quinta “tripla doppia” stagionale. Gli Heat, che hanno tirato con un pessimo 34,8%, si sono arresi nonostante i 23 punti di LeBron James.
(Metro)

Sport