Spettacoli

Julia Roberts regina tiranna contro un arrembante Biancaneve

In attesa della sexy regina cattivissima Charlize Theron e dell'ex vampira Kristen Stewart in  “Biancaneve e il cacciatore”, arriva il 4 aprile “Biancaneve”, la regina versione family con pizzi e cappelletti Julia Roberts e la sua antagonista Lily Collins.
E con loro tutta un'altra favola: Biancaneve combattente che vuole strappare alla regina il regno che le ha tolto e che tiranneggia; i sette nani emarginati briganti pronti alla battaglia; il principe, un grazioso idiota che fa gola anche alla regina; la mela qualcosa che, alla fine, non sarà Biancaneve a mangiare e via inanellando, intrecciando action e fantasy.  Il tutto tra sfavillanti colori da cartoon, scenografie gigantesche e oltre 300 costumi fatti a mano.
E curiosità è che Lily Collins aveva anche fatto il provino per “Biancaneve e il cacciatore” prima di capitare in questa versione firmata da Tarsem Singh:«Feci il provino, ma sono molto felice per Kristen Stewart che ha avuto la parte. La storia è molto diversa dalla nostra e le due versioni non si somigliano affatto.Personalmente sono molto felice della mia Biancaneve perché è indirizzata ad un pubblico completamente diverso e, se mi chiedete a chi mi sono ispirata, posso dire a Audrey Hepburn».
«Comunque, continua, credo che il suo fascino sia universale perchè ogni donna, sia giovane che adulta, abbia un po’ di Biancaneve dentro di lei"
Mentre per Julia Roberts, irresistibile cattiva, tutto è utile e «certamente la regina cattiva di Biancaneve ha più da insegnare della Fata Turchina perché solo conoscendo il Male impari che cosa fare nel mondo. Spero che lo spettatore, davanti a questo film, si lasci trascinare in un altro mondo. Come ho fatto io. D'altra parte la storia dei Grimm è di poche pagine e il film Disney non ha nulla a che vedere col nostro e dà una limitata interpretazione dei personaggi, qui sviluppati ampiamente  e con sorprendente visionarietà».
(Silvia di Paola)

Spettacoli