Spettacoli

Abatantuono star dei Vanzina

Invece del meridionale al Nord interpretato a lungo, un settentrionale al Sud, in quel di Bari. Eccolo Diego Abatantuono nel coralissimo “Buona Giornata” del duo Vanzina da  venerdì in sala in 500 copie.
Abatantuono, cosa fa nel film?Nientemeno che il rappresentante di domotica, una tecnologia che serve a migliorare la qualità della vita dentro casa, programmando a distanza il forno, la tv, l'aria condizionata. Ma che cosa possa poi fare nel Sud in piena crisi un uomo del genere lo scoprirete solo vedendo il film, una sorpresa e per me il ritorno in Puglia e il ritorno con i Vanzina.
Il film sorride anche sui politici di oggi , pronti a portare anche i morti (letteralmente) in parlamento in cerca disperata di un voto in più. Sorride anche lei?Sì ma penso che la politica di oggi sia il risultato di quella di ieri. Una spirale... Ma, quando si valuta l'oggi, bisogna anche considerare quanto tempo hanno avuto quelli che ci sono stati prima per fare o non fare certe scelte. Ecco nel film l'evasore totale, quello diventato ricchissimo che non denuncia nulla, nasconde tra le prime cose la barca. Io la barca non ce l'ho perché ho pagato sempre le tasse e, dunque, pur avendo guadagnato, non posso permettermela. Penso che, se si vuole scovare chi non paga le tasse, basta andare  sui moli a vedere chi ha le barche.
E che cosa ci dice del suo esordio alla regia prossimo venturo?Che non vedevo l'ora. Mi vedrete il 6 aprile, un solo giorno,  un'uscita secca, su Canale 5 in “Area Paradiso”, un “on the road” fermo , in cui c'è un forte fondo sociale perchè si racconta di due autogrill nella campagna toscana di cui uno dei due deve chiudere ma con la solidarietà si salva tutto.
Sentiva proprio l'esigenza di  cambiare e passare alla regia?In fondo non ho mai sentito neppure l'esigenza di far l'attore, ho cominciato per caso. Ma, dopo tanti anni, so che il mio lavoro non può che essere questo e volevo cambiare, sperimentare. E allora perché non farlo con un film comico, tra attori come Ale e Franz, Ricky Memphis, altri ragazzi di Colorado e parlando anche di una cosa importante come è la solidarietà di cui non si parla abbastanza?
Ma, regia a parte, è pronto a un nuovo set?Sì, sono nel cast di “Il peggior Natale della mia vita” con Fabio De Luigi , sequel de “La peggior settimana ” e forse anche più divertente. Un Natale che vi ricorderete”.
(Silvia di Paola)

Spettacoli