Fatti&Storie

L operatore di call center cagliaritano minacciava un bimbo

 “Babbo Natale non esiste, e la Befana è tua mamma”. Se fosse stato uno scherzo, sarebbe stato sicuramente di cattivo gusto. Ma il destinatario era un bambino di 3 anni di Como, oggetto delle minacce e delle provocazioni dell’operatore di un call center cagliaritano. Un 36enne che ieri è stato scoperto e denunciato dalla Polizia. La vicenda è davvero inquietante e risale ai mesi scorsi, e fu registrata da una segreteria telefonica che ha incastrato l’uomo consentendo che la sua voce finisse identificata. La strana telefonataL’operatore chiamò a casa della famiglia di Como per provare a convincerla a cambiare compagnia telefonica. Alla cornetta rispose il bimbo di tre anni: “Passami subito mamma e papà, altrimenti vengo lì a prenderti”, la prima incredibile intimidazione al bambino. Poi altre provocazioni al piccolo, sempre più spaventato: “Marmocchio, o mi passi mamma e papà oppure vengo lì davvero. So che ci sei, sto venendo subito”. Poi la frase choc con gli insulti pure alla mamma: “Guarda che Babbo Natale non esiste, e tua mamma è la Befana”. Parole che, dette a un bambino di soli tre anni, possono avere effetti davvero devastanti sotto il profilo psicologico. Per questo i genitori hanno denunciato il tutto alla polizia, che dopo alcuni mesi di indagini è riuscita a risalire all’identità del telefonista nasoosto, che forse sperava di rimanere nell’ombra. E che probabilmente non farà altri scherzi di questo tipo al telefono.  
(Metro)

Fatti&Storie