Meteo
 


Sport

Inter Moratti cerca soci Le banche in campo

 
L’Inter è in cerca di capitali freschi. La notizia, non di prima mano in verità, ha trovato nuove conferme all’indomani dell’eliminazione della squadra nerazzurra dalla Champions League. A ridare voce al tam tam mediatico - liquidato da Massimo Moratti meno di un mese fa con un «Non è questo il momento di parlarne» - sono state ieri le indiscrezioni dell’Adn Kronos che rivelano come il presidente nerazzurro abbia manifestato «ad esponenti di una primaria banca, la volontà di alienare alcune quote della società. L'istituto – recita la nota di agenzia - si è ripromesso di sondare il terreno per individuare eventuali soggetti interessati».  Una strana coincidenza di tempi che non può passare inosservata. Soprattutto alla luce della confessione amara di Moratti nella notte sportivamente tragica di San Siro: «Sarebbe saggio – ha detto il presidente - ricostruire dai giovani con l'idea di non ottenere subito dei risultati importanti. Ma dipende dalle realistiche ambizioni che si vogliono avere». Quali saranno quelle dell’Inter nella prossima stagione? E sarà ancora la sola famiglia Moratti a condurle in porto? L’amarezza del presidente nerazzurro e la fine della leggenda dell’Inter del Triplete potrebbe essere determinante. E i ben informati scommettono già sul ritorno, nel ruolo che fu di Giacinto Facchetti, di Lele Oriali.
Il futuroAvanti con Ranieri («Non vedo colpa, ma più la fortuna del suo collega francese») fino alla fine della stagione. Poi la rifondazione che, difficilmente, sarà gestita dal tecnico romano. In pole per accorrere al capezzale nerazzurro ci sono, nell’ordine, Villas Boas, Blanc, Montella e Zenga. Il ringiovanimento è già cominciato (leggasi Juan Jesus e Guarìn). Per sapere quali potranno essere le nuove pedine tanto dipenderà dalle cessioni: Sneijder è il pezzo pregiato (e oneroso visto il suo contratto). La sua cessione, insieme a quelle eventuali di Maicon e Julio Cesar, aprirebbe la porta a scenari interessanti. Nessun mistero sul gradimento di Moratti per Lavezzi che, però, andrebbe a infoltire un reparto già sovraffollato. Sempreché il presidente, senza nuovi soci, stanco di investire e in perfetto spirito fair play, non decida di ripartire dai giovani.
(Mariella Caruso)
 

Sport