Spettacoli

Il rock non ha et se lo firma John Cale

Musica. È uno dei nomi storici del rock più originale e innovativo, che alla bella età di 70anni non ha ancora perso la voglia di sperimentare e girare il mondo per concerti. Stasera ai Magazzini Generali ritroveremo John Cale (ore 21.30, euro 20 più prevendita), scontroso gallese noto per la sua militanza nei Velvet Underground assieme a Lou Reed. Con quella leggendaria band Cale lasciò un segno indelebile nella storia della musica moderna. Non solo. Nella sua lunga carriera solista, dove ha lavorato con successo anche come produttore, ha sfornato dischi di gran livello, con alcuni capolavori come “Paris 1919” e “Music for a New Society”. A Milano Cale arriva sull’onda di un nuovo ep, “Extra Playful”: cinque brani nel segno di un “art rock” stravagante, raffinato e seducente. A proposito di nomi storici, ecco di scena al Blue Note un fuoriclasse del jazz come Miroslav Vitous, noto agli appassionati per la sua brillante esperienza nei Weather Report. Stasera si esibirà al contrabbasso assieme a Robert Bonisolo al sax ed Aydin Esen al piano (ore 21 e 23; euro 30/35). Al Biko, invece, il cantautore piemontese Marco Notari eseguirà i brani del suo ultimo cd “Io?”, album intenso e ricco di sfaccetture, che nei contenuti riflette sul significato e l’importanza della propria umanità (ore 21.30, euro 5 con tessera Arci). Per chi ama le sonorità indie britanniche, da non perdere il live dei Prinzhorn Dance School al Leoncavallo (ore 22, euro 5). Per l'occasione il duo di Brighton, portavoce di un suono cupo ed essenziale, presenterà il nuovo cd “Clay Class”.
(Diego Perugini)

Spettacoli