Fatti&Storie

Classifica Forbes Ferrero il paperone italiano Slim Bill Gates e Buffet i pi ri

Egrave il magnate messicano Carlos Slim l rsquo uomo pi ugrave ricco del mondo secondo la classifica stilata da Forbes per il 2011 Seguono al secondo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates e al terzo il re degli investitori Warren Buffet I ldquo paperoni rdquo sul podio sono quindi gli stessi del 2010 Dal settimo al quarto posto balza invece il re del lusso Bernard Arnault proprietario del gruppo francese Lvmh mentre al quinto si piazza lo spagnolo Amancio Ortega patron di Zara nel 2010 nono nbsp nbsp Tra i primi venti classificati restano quattro i rappresentanti dei ldquo Brics rdquo in un vertice dominato da Usa ed Europa oltre a Slim il petroliere indiano Mukesh Ambani precipitato dal quarto al diciannovesimo posto l rsquo investitore hongkonghese Li Ka Shing salito dal quattordicesimo al nono e il brasiliano Eike Batista attivo nel settore minerario salito dall rsquo ottavo al settimo Male anche l rsquo altro ldquo Creso rdquo indiano l acciaiere Mittal caduto dal quinto al diciannovesimo posto Esce dalla top 20 anche il principe saudita Alwaleed finto al ventinovesimo posto Bene George Soros dalla trentacinquesima alla ventiduesima posizione mentre la donna pi ugrave ricca del mondo si conferma per il settimo anno consecutivo Christy Walton a capo dell impero Usa della grande distribuzione Wal Mart Balza invece al trentacinquesimo posto il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg Il primo italiano in classifica egrave invece Michele Ferrero al ventitreesimo posto con una ricchezza netta valutata in 19 miliardi di dollari Al posto numero 74 c rsquo egrave secondo tra gli italiani Leonardo Del Vecchio con 11 5 miliardi di dollari Terzo italiano e al numero 137 dei paperoni mondiali Giorgio Armani con 7 2 miliardi di dollari Al numero 139 la regina della moda Miuccia Prada con 6 8 miliardi nbsp nbsp L ex premier Silvio Berlusconi e famiglia si piazza al 169esimo posto con 5 9 miliardi dopo la famiglia Rocca che egrave al posto 166 con 6 miliardi Metro

Fatti&Storie