Fatti&Storie

Il visone ecologico

Roberto Scarpella, presidente dell'Associazione italiana pellicceria.
Presidente, l'altro ieri a Milano, in occasione del MIFUR, la fiera delle pellicce, gli animalisti hanno manifestato contro di voi....
Siamo dispiaciuti soprattutto perché era una manifestazione non autorizzata che si è svolta alla presenza di un'onorevole.
La presenza dell'onorevole Brambilla vi ha disturbato?
Sappiamo che è una nostra “rivale”: vuole far chiudere gli allevamenti di animali da pelliccia. Si è presentata con il solito codazzo di fotografi e giornalisti tanto che alle 13 c'era già un servizio in onda sul TG3.
Che senso ha oggi la pelliccia?
La moda la richiede. In un anno il settore, in particolare quello dei visoni, ha registrato un incremento del 10/15%.
Come vive un visone d'allevamento?
In gabbia secondo le norme europee.
Poi?
Quando ha 9 mesi viene ucciso con il monossido di carbonio: l'animale si addormenta e poi viene scuoiato. Gli allevatori ci tengono alla vita dei loro animali e assicurano loro le migliori condizioni possibili.
Vivere solo 9 mesi in una gabbia non mi sembra proprio fantastico....
Vivono come tutti gli animali da allevamento.
Certo ma per avere caldo posso prendere anche un cappotto di lana senza dover ammazzare la pecora no?
Questa è una questione etica. Le posso dire che l'allevamento di visoni è ecologico perché smaltisce grandi quantità di carne e di pesce.
Mica sono i soli che mangiano rifiuti di carne e pesce....
Il versante ecologico non ha confronti con altri animali. E la sua pelliccia dura molto di più di una sintetica.
patrizia pertuso

Fatti&Storie