Fatti&Storie

Firenze cambia faccia il futuro in pochi mesi

Tav, Tramvia, stadio, auditorium, moschea: Firenze tra pochi mesi cambierà volto. Ecco, scenario per scenario, lo sviluppo delle grandi opere.Il nuovo stadioLa cittadella sportiva sorgerà nell’area Mercafir accanto al centro agro-alimentare e il progetto sarà presentato dal sindaco Renzi a marzo in un’assemblea che concluderà il percorso di partecipazione. «Entro l’estate il Consiglio approverà la variante necessaria», spiega a Metro l’assessore Meucci. L’Ordine degli architetti tuttavia critica la scelta: «Che ne sarà dello stadio Franchi?» Per ora manca ancora un costruttore e, venerdì scorso, il presidemnte onorario della Fiorentina, Andrea Della Valle, ha detto che «ancora non abbiamo visto il progetto. Ora c’è solo cauto ottimismo».Tramvia Dopo la bonifica da ordigni bellici inizieranno i lavori della linea 2 (Peretola-piazza dell'Unità): «Garantiremo a cittadini  e commercianti (preoccupati per eventuali ritardi, ndr) un monitoraggio del cantiere», spiega l’assessore alla mobilità Mattei. Il Comune, infatti, ha più volte assicurato che i lavori termineranno entro mille giorni. Tuttavia La Lega Nord e alcuni comitati dei cittadini stannoraccogliendo le firme contro  il progetto per la linea 3 (piazza Libertà-Careggi).La TavNel giro di un mese o due inizieranno i lavori di scavo del sottoattraversamento della Tav, secondo quanto ha assicurato il numero uno di Ferrovie, Mauro Moretti. Tuttavia secondo i comitati che sono contrari all’opera restano più che mai aperti i interrogativi sullo smaltimento delle terre di scavo, sui cedimenti del terreno, sulle possibili conseguenze sugli edifici e sull’impatto sulla falda acquifera.Auditorium della MusicaIl nuovo teatro del Maggio dovrebbe essere completato entro la fine del 2012. Il primo lotto è pronto da dicembre quando il sipario si è alzato per la prima volta con il concerto di Mehta. Per il secondo lotto mancano ancora circa 80 milioni di euro e, soprattutto, nessuno sa quando arriveranno.MoscheaLa comunità islamica ha coinvolto i  fiorentini in una serie di incontri per discutere sulle aree adatte ad accogliere il luogo di preghiera. Le più “quotate” sono l’ex Campolmi in via delle Muricce (traversa di viale Canova) e quella dell’ex panificio militare in via Mariti (zona Ponte di Mezzo)
luisa pampaloni

Fatti&Storie